• Posta aziendale
    info@evisa-india.org.in
  • IngleseFranceseTedescoItalianoSpagnolo
  • RICHIEDI VISTO

Viaggio del Gange - Il fiume più sacro dell'India

Il Gange è l'ancora di salvezza dell'India in termini di significato generale nella cultura, nell'ambiente e nelle risorse. La storia dietro il viaggio del Gange è lunga e appagante quanto il fiume stesso.

Dalle montagne

Gange dalle montagne Il Gange ha origine in Himalaya, scorrendo attraverso la città yoga di Rishikesh

L'India è una terra dai molti colori e fiumi dove ogni fiume ha una storia associata per il suo significato spirituale a una leggenda propria. Quale sarebbe la leggenda dietro il fiume più potente dell'India?

Sorgendo ai piedi del ghiacciaio himalayano, Il Gange appare di una bellezza eterea nel cuore dell'Himalaya dell'Uttarakhand, conosciuto con un nome meno comune, Bhagirathi, alla sua origine. Il fiume proveniente dal ghiacciaio Gaumukh, diventa santo di diritto alla sua nascita, con un tempio appartato che si trova vicino alla sua origine.

Come credeva nella mitologia indù, per domare le sue acque torrenziali, Il Gange era contenuto nelle serrature di Shiva, prima di discendere sulla terra, poiché era richiesto dagli dei che il fiume sacro avesse bisogno di scendere dal cielo per rifornire gli umani.

Dal punto di vista idrologico, il torrente Alaknanda sarebbe la fonte principale del Gange sebbene, secondo antiche credenze, fu dopo una penitenza eseguita dal saggio Bhagirath che il fiume sbarcò sulla terra, il che fece sì che Ganga fosse chiamato anche Bhagirathi alla sua sorgente.

È solo alla confluenza dei due fiumi, Bhagirathi che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Alaknada, che il fiume viene chiamato Gange. Dopo questa prima confluenza, diversi affluenti e fiumi più piccoli incontrano il fiume sacro lungo la strada con molte di queste confluenze considerate i luoghi più sacri dell'India

visto elettronico per l'India

Visto elettronico indiano consente ai visitatori da oltre 180 Paesi idonei al visto elettronico per l'India per ottenere un Visto d'affari indiano, Visto medico indiano, Visto turistico indiano or Visto medico indiano comodamente da casa.

Non solo non è necessario visitare l'ambasciata indiana, ma non è nemmeno necessario inviare il passaporto tramite corriere o posta. L'eVisa India viene consegnato via e-mail e annotato nel sistema informatico. Gli ufficiali dell'immigrazione controllano il visto indiano online nel momento in cui attraversi il confine e controllano i dettagli sul passaporto. Devi assicurarti che il tuo il passaporto è valido per 6 mesi al momento della domanda di visto indiano.

In lungo e in largo

Il bacino del fiume Gange in India è uno dei bacini fluviali più grandi e fertili del paese che sostiene milioni di persone grazie alla disponibilità di risorse e al sostentamento. Dalle vette del nord alle montagne del sud dell'India, comprese le colline Aravalli a ovest e le foreste di mangrovie a est, il Il bacino del fiume Gange è il bacino più diffuso del paese.

Diversi affluenti più piccoli si incontrano nel potente fiume creando così una rete di torrenti e fiumi che rendono la terra del paese fertile per la coltivazione.

Prospettiva divina

Prospettiva divina del Gange Milioni di persone fanno il bagno nel Gange, Kumbh Mela

Gli indù si bagnano nelle acque del Gange lungo tutto il suo corso e offrono petali, lucerne di terracotta in segno di rispetto e devozione. L'acqua del fiume è considerata sacra e utilizzata per tutti gli scopi rituali insieme ad essa per il viaggio di ritorno a casa.

Si crede che anche una piccola quantità d'acqua del fiume purifichi tutto ciò su cui cade, da un corpo e uno spirito umano fino a diffondere vibrazioni di pace in una casa dove viene spruzzata. L'acqua alla confluenza dei fiumi è considerata la più sacra in India, dove si trovano i luoghi più santi del paese e migliaia di persone fanno una visita per immergersi nella frescura della purezza.

I Kumbh Mela che letteralmente significa una pentola d'acqua di terracotta, è il più grande raduno assistito lungo il Gange mentre incontra gli altri fiumi nelle pianure settentrionali dell'India.

LEGGI DI PIÙ:
Le migliori idee di viaggio per esplorare l'Himalaya indiano

Rive del Fiume Santo

Varanasi Santa Varanasi, città sulle rive del fiume Gange

Alcuni dei luoghi più sacri dell'India si trovano sulle rive del Gange con il loro significato spirituale direttamente associato al fiume.

Si crede che l'ultimo respiro sulle rive di Varanasi, città situata in riva al fiume, porti salvezza all'anima, che per lo stesso motivo è nota per i suoi ghat di cremazione lungo il fiume. Varanasi altrimenti chiamato Benares, è una città venerata nelle scritture indù, giainista e buddhista.

Oltre alla riflessione spirituale, molte altre attività a scopo turistico sono organizzate anche nella città famosa per il suo patrimonio yoga, Rishikesh, un luogo noto anche come porta d'accesso all'Himalaya. Rishikesh è anche nota per i suoi centri di farmaci ayurvedici e centro internazionale per l'apprendimento dello yoga e della meditazione.

LEGGI DI PIÙ:
I turisti stranieri che arrivano in India con un visto elettronico devono arrivare in uno degli aeroporti designati. Varanasi è un aeroporto designato per il visto elettronico indiano.

Foresta e Oceano

Sundarbans Foresta di mangrovie di Sundarbans, popolare attrazione turistica

Uno dei siti più verdi del patrimonio mondiale, il Foresta di mangrovie di Sundarbans è formato dalla confluenza di Ganga, Brahmaputra e il fiume Meghna, creando il il delta del fiume più grande del mondo. I Sunderbans hanno una fauna e un ecosistema tra i più ricchi, con molti affluenti e piccoli ruscelli che si incrociano dalle sponde dei grandi fiumi.

Quando il Gange raggiunge la fine del suo viaggio nell'est dell'India, si prepara a sbarcare nel Golfo del Bengala creando il Delta del Gange-Brahmaputra lungo il percorso. I Sunderbans sono davvero uno dei tesori inesplorati dell'India.

Oltre al Golfo del Bengala è anche sede di molti siti storicamente significativi tra cui templi antichi come mille anni che raffigurano il passato d'oro dell'India. Il Tempio del Sole di Konark, costruito nel 1200 d.C., è uno di questi magnifici siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO. La costa del Golfo del Bengala ospita anche molti antichi siti del patrimonio buddhista.

Dopo un lungo viaggio dalle montagne, quando il fiume sacro incontra il mare, la sua confluenza viene nuovamente celebrata con devozione e preghiera, che in modo semplice è un gesto di congedo al fiume sacro, dopo aver prestato servizio per migliaia di miglia e placare la sete spirituale di milioni di persone lungo il cammino.


Cittadini di molti paesi tra cui United States, Francia, Danimarca, Germania, Spagna, Italia sono idonei per Visto elettronico per l'India(visto indiano online). Puoi richiedere il Domanda di visto elettronico indiano online proprio qui.

Se hai dubbi o hai bisogno di assistenza per il tuo viaggio in India o visto elettronico per l'India, contatta Help desk Visa indiano per supporto e orientamento.